Platoon Forward: scenario K

Ho fatto un primo esperimento con “Platoon Forward” di Joseph Legan, utilizzando le regole di Fubar.

Ho immaginato un conflitto Italiani contro Tedeschi nella Seconda Guerra Mondiale. Quindi il tutto potrebbe essere ambientato in Sud Italia nel periodo della cobelligeranza. Comunque non ho approfondito in alcun modo l’aspetto storico (per ora).

Il plotone italiano è comandato dal Tenente Gaetano De Rodolfo. La missione (“Scenario Card K – Reconneisance”) consiste nell’esplorare un’area occupata dai tedeschi e verificare l’entità delle loro forze. De Rodolfo ha deciso di portare con sè solo un’altra squadra, quella guidata dal Sergente più esperto: Leonardo Vasari.

La squadra del Tenente avanza sulla destra, verso una zona avanzata che offre una certa copertura. Vasari avanza sulla sinistra, allo scoperto. L’avanzata di Vasari viene notata da quattro sentinelle tedesche che danno immediatamente l’allarme. Sia Vasari che De Rodolfo si trovano a essere oggetto del fuoco nemico: De Rodolfo viene attaccato dalla zona alberata a destra e Vasari dalle postazioni di difesa di fronte alla casa. Le due squadre italiane resistono bene. De Rodolfo, grazie all’apporto del bazooka utilizzato dal Caporale Gigi Colombo, riesce a costringere la squadra tedesca ad arretrare all’interno della zona boscosa. De Rodolfo lascia quindi il muretto di copertura e avanza, scoprendo oltre il boschetto la presenza di un piccolo cingolato corazzato.

Vasari è costretto ad avanzare per avvicinarsi all’edificio principale dell’area, in modo da verificare la consistenza delle forze nemiche. Scopre così la presenza di una postazione di mitragliatrice, ma la squadra italiana rimane completamente esposta sul fianco sinistro e mentre si ritira subisce gravissime perdite.

Le due squadre italiane riescono quindi a portare a termine la missione: anche se alcuni punti dell’area obiettivo non sono stati perlustrati, l’entità delle difese tedesche è definita in modo abbastanza preciso. Ma solo Vasari rientra alla base con solo due degli otto soldati della sua squadra. Anche De Rodolfo ha perso uno dei suoi veterani.

Nel complesso: uno scenario molto interessante e un buon secondo esperimento con Fubar. A questo giro ho utilizzato la regola delle figure “sopresse”, ovvero temporaneamente inabilitate. Sembra funzionare bene. Ipotizzo però di rendere più facili le attivazioni per tutti i livelli di unità, perchè le attivazioni fallite mi sembrano rallentare inutilmente il gioco.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: