Ancora sull’Isola Boscosa

Il Re Tulius aveva fatto costruire in cima alla montagna un piccolo tempio e lo aveva affidato alla protezione del lupo Kustos, a cui il Re era molto affezionato. Sotto il tempietto era sepolto un forziere di ferro, la cui esistenza era nota solo al Re e al nano Gerardus, che aveva partecipato ai lavori di costruzione. L’esistenza dell’isola dipendeva dall’inviolabilità del tesoro sepolto sotto il tempio. Ma il nano, vigoroso quanto il grande lupo, e maestro nell’uso dell’ascia da guerra, era determinato ad affrontare Kustos e impadronirsi del forziere.
Una sera, camminando nel bosco, il Re udì per caso Gerardus parlare con suo fratello Rotarius del forziere sepolto e della sua intenzione di impadronirsene. Gerardus non si accorse della vicinanza del Re, e quindi non seppe di avere involontariamente svelato i suoi propositi.
Tulius, accompagnato da Kustos, affrontò Gerardus esigendo che gli giurasse fedeltà sulla sua ascia da guerra. Gerardus giurò in mala fede e in quell’istante la sua ascia andò in pezzi.
Gerardus fuggì nel bosco, ma Kustos lo inseguì e lo scovò.
Kustos parlò al nano e gli disse: “Attento a ciò che fai: se ti avvicinerai al tempio, ti ucciderò”. Il nano ritenne più prudente lasciare l’isola. Tulius lo affidò alle sue guardie che lo imbarcarono sulla prima nave in partenza.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: